Clicca sul titolo per approfondire

Sono nato nel 1970 a Salerno, la città dove vivo da sempre

Mio padre impiegato presso l’Ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, mia madre casalinga e mio fratello Antonio musicista.  Una famiglia semplice che mi ha trasmesso valori importanti: l’altruismo, l’onestà e la serietà.  Appassionato fin da giovanissimo di politica, partecipo attivamente ai movimenti giovanili e studenteschi, sia alle superiori che all’Università di Salerno dove frequento la Facoltà di Sociologia e mi laureo, nel ’95 con una tesi sulle teorie di Max Weber sul lavoro intellettuale come professione e sulla necessità per le nazioni di costruire e sviluppare classi dirigenti competenti e specializzate.

Ho vissuto, da protagonista, il boom della movida salernitana

Gli studi sociali e la passione politica sono sempre andati di pari passo con il grande amore per la musica e le pubbliche relazioni. Estroverso per natura ho sviluppato per oltre 25 anni un’agenzia di management di eventi e gestito alcuni tra i più importanti club di Salerno e Costiera Amalfitana.
Le speciali capacità nel costruire sinergie, mettere in comunicazione persone molto differenti tra loro e saper ascoltare le esigenze di tutti, mi hanno portato quasi naturalmente a candidarmi al Consiglio Comunale nel 2011 con Vincenzo De Luca Sindaco.

La politica mi ha insegnato tanto

Lavorare per la mia città, aiutarla a crescere e risolvere piccoli e grandi problemi mi riempie di orgoglio. Ricorderò sempre con emozione la mia prima campagna elettorale, chiusa con la soddisfazione di un risultato eccezionale grazie al quale sono stato nominato Consigliere Comunale. Gli anni dal 2011 al 2016 sono stati una palestra importante. Ho lavorato tantissimo per la mia città sia tra i banchi del Consiglio che per le strade.  Ho visitato ogni giorno ogni quartiere, palmo a palmo, stretto la mano e guardato negli occhi giovani, famiglie, commercianti, imprenditori cercando soluzioni concrete alle istanze particolari e sui grandi temi strategici per Salerno.

Ho realizzato la mia impresa eccezionale

Il 2013 è stato l’anno della rivoluzione personale. Quando ormai non pensavo più di innamorarmi e metter su famiglia, ho conosciuto Paola, manager di una grande multinazionale del packaging. Dopo tre mesi ci siamo sposati, dopo nove mesi sono diventato il padre di Anna.  Nel 2017 arriva Enrico e la famiglia cresce. L’energia positiva che i figli sanno infondere rafforza il senso profondo di responsabilità verso il futuro e rende ancora più forte l’impegno di essere per loro l’esempio da seguire.

La Salerno del buon vivere

Il 2016 è l’anno dell’incarico come Assessore al Commercio, attività che ricopro tutt’ora. Da salernitano, stravedo per la mia città e sono convinto che ci sia ancora tantissimo da fare per realizzare le ambizioni legittime di Salerno per qualità della vita e risultati economici. Credo che il senso della politica sia quello di garantire un legame forte tra cittadini e istituzioni, tutelando l’interesse pubblico e i diritti dei singoli.

“Dicono sia testardo: a me piace definirmi estremamente deciso.
E non faccio mai promesse che non posso mantenere”.