Limoni e delfini per Luci d’Artista

 In Salerno, insieme

“C’è chi spreme le meningi e chi va al succo della questione. C’è chi decide di colorare di giallo e non più di rosso la vetrina natalizia e chi risponde “che in fondo i delfini sono simbolo marinaro mentre i pinguini ci ricordavano il Polo Nord”. Limoni e delfini, luminarie d’artista, sono argomento di discussione sul lungomare cittadino e soprattutto in Corso Vittorio Emanuele, dove le installazioni proseguono e attirano l’attenzione di passanti, fotografi e negozianti. “Ma questo, cioè il limone, resta qua davanti per sempre?”, domanda una commessa ai solerti operai. Testa e caschetto si muovono all’unisono: la risposta è sì.

Le reazioni.
Il signor Felice, uno dei gestori di una nota torrefazione, sceglie una risposta corta, stringatissima, una specie di… espresso. Una sola parola: “Positivo”. Altre due per spiegare: “Vanno bene”. Gerardina Guariniello, una delle titolari di un bar caffetteria in Corso Vittorio Emanuele, commenta: “I limoni a Natale fanno un po’ dubitare ma mi sono fatta un’idea e penso che la struttura creata non sia brutta a vedersi, anzi lineare, molto fine. Aspettiamo le luci di notte, per renderci conto dell’effetto ottico. Di sicuro sono una novità: c’eravamo un po’ scocciati delle vecchie luci”. Luigi Murano, commerciante: “Critcare o esprimere un giudizio adesso, senza vedere le luci accese, avrebbe poco senso. Dunque mi astengo dall’esprimere giudizi e dico che bisogna aspettare il giorno dell’accensione delle luminarie d’artista”. Roberta e Federica, commesse, non autorizzano a pubblicare anche i propri cognomi. Un parere, però, lo esprimono ed è negativo: “I limoni ci fanno un po’ sorridere e non ci piacciono. Si tratta ovvviamente di un gusto personale. Ricordano un po’ la Costiera, così come i delfini ricordano il mare. Però fanno poco Natale”. Ecco il commento di Gianluigi Libutti, negoziante: “E’ una novità, molto diversa rispetto agli altri anni. Non mi dispiacciono. Limoni e delfini non sono affatto di cattivo gusto”.

Fonte: Salernotoday

Articoli recenti

Lascia un commento